Franz Ludwig 2211

silenzio

Tu Sovrano

t’affacci alla mia vita.

Perchè celar la tua Signoria

sotto umili vesti,

che sol per il vestirTi appaiono regali.

Regali…come quelli che mi elargisci in perpetuo,

tra luci e ombre dello spirito..

Si erge, da te innalzata, l’anima mia

e allo zenit gode

spogliandosi della paura,

riposando nella Tua dolcezza

che ogni cuor raccoglie e protegge

dal furore

della Tua Bellezza.

Per questo non si può restar soli:

ogni battito è accompagnato dal Tuo respiro.

Rispondi