…pensandoci…

Le chiavi perdute,

per non averle mai davvero possedute,

le hai poste in un timbro di voce potente

e, io, sono andata a recuperarle.

La serratura comincia a cedere

ora

che tutti hanno compreso

che a nulla serve forzare.

 

“Ti bacio con i baci della Sua bocca”

o “mi baci con i baci della Sua bocca”,

“Lo bacio con i baci della Tua bocca”

o “Mi bacia con i baci della Tua bocca”,

non ricordo come recitava il Cantico…

fatto sta che sempre qua sto,

che sempre qua stai,

il creato ancora qua sta.

 

E’ grande l’opera di quel fabbro

che in silenzio opera,

di quel vasaio che sembra star fermo

e invece modella i particolari, minuziosamente…

…TORNERA’ ancora il MONDO a GIOIRNE, consolati!

 

Il ricordo diventa battito, vento, cinguettio.

Annunci

1 Comment

Rispondi